b. lavoro, impresa, servizi

Pensiamo che il tema del lavoro sia oggi la questione centrale della nostra società. Stiamo negando il futuro a troppi giovani. Senza lavoro non hanno prospettive, con tutte le conseguenze negative in termini personali, sociali ed economici.
Il Comune in questo campo non ha molti strumenti ma deve porsi il problema di come favorire in ogni modo l’occupazione.
Il lavoro lo creano le imprese. La nostra economia è abbastanza diversificata e questo è stato sempre un punto a favore della realtà fanese. Ma la crisi ha prodotto profonde ferite e nostro impegno è anche quello di operare per rilanciare l’economia nei vari campi, dall’agricoltura all’artigianato, dall’industria ai servizi, ecc.
Vanno incrementate, anche in accordo con Aset, le risorse per sostenere le imprese e le attività commerciali, sia del centro storico che dei quartieri, attraverso la concessione di contributi a fronte di oneri Tari ed idrico. Le azioni fin qui fatte sono state molto positive: vanno ampliate anche per sostenere la rete distributiva tradizionale rispetto all’impatto della grande distribuzione.
Dobbiamo lavorare sul fronte delle agevolazioni fiscali e burocratiche. Dobbiamo garantire alle nuove attività un percorso di apertura più semplice e al passo con le esigenze delle imprese. E’ necessario snellire le procedure e offrire agevolazioni a tutte quelle attività innovative che decidono di stabilirsi sul nostro territorio.
Dobbiamo pensare a dei canoni concordati per le attività del centro storico e a delle defiscalizzazioni mirate per i primi anni di attività. Ciò servirà a tutelare l’investimento privato e a farlo crescere con maggiore serenità nei suoi primi anni che sono cruciali per le start-up.
Nel Centro Storico la sfida è ancora più complessa in quanto, oltre a leve fiscali e burocratiche, il Comune deve farsi promotore di un nuovo Consorzio del Centro, che possa farsi carico di progetti di sviluppo e di marketing delle attività del Centro Storico, per salvaguardarne il valore storico, sociale ed economico. Di fronte all’aggressione sempre più forte della grande distribuzione e dell’e-commerce consorziarsi e l’unico modo di creare prospettive concrete di futuro. L’amministrazione deve essere di guida e stimolo perché questo si realizzi, nell’interesse della comunità.
Per sostenere l’impresa e rilanciare l’economia fondamentali sono la semplificazione e la digitalizzazione delle procedure. In tal senso sportelli come il SUAP e il SUAE vanno potenziati in tecnologie e personale qualificato.

Programma