b. rigenerazione sociale e urbana – cittadinanza attiva

stimolata la rivitalizzazione sociale. Viviamo l’età della frantumazione della società e sperimentiamo gli effetti negativi della esplosione degli egoismi individuali e sociali.
Intendiamo mettere in campo idee e progetti di comunità, a partire dalla filosofia del nuovo piano regolatore che propone un progetto di “città pubblica”. Le previste community hub sono strumenti da attivare subito, anche prima del nuovo PRG.
Sono da sviluppare esperienze già realizzate ad esempio a Sant’Orso quali “il quartiere a misura di bambino” che con la partecipazione diretta di cittadini e ragazzi, ha prodotto un modello di progettazione integrata urbana e sociale che sta portando il quartiere verso un volto.
Intendiamo puntare con decisione sulle forme di cittadinanza attiva e di gestione dei beni comuni da parte di cittadini singoli o associati. Abbiamo già un regolamento per la gestione dei beni comuni. Ora lavoreremo convintamente alla sua attuazione. Altre città hanno fatto passi da gigante in questo campo, con uffici appositamente dedicati, alleggerendo in parte anche l’onere del Comune, gestendo meglio il patrimonio, cambiando la cultura sia degli uffici che dei cittadini. Ricordando Kennedy (“non chiedere cosa l’America può fare per te ma chiediti cosa puoi fare tu per l’America”) va fatta anche una campagna di comunicazione per coinvolgerli nella cura della città, risvegliando anche l’amore per Fano.
Si tratta di uno strumento molto importante per riqualificare pezzi di città, coinvolgere associazioni, gruppi di cittadinanza attiva e singoli cittadini nel riuso di spazi dismessi o abbandonati, costruendo sinergie molto positive tra cittadini e amministrazione. Attiveremo campagne di informazione e sensibilizzazione e promuoveremo i patti di collaborazione tra cittadini e amministrazione, facendo crescere una maggiore responsabilità diffusa e un sempre più radicato senso di appartenenza e di cura ai luoghi della nostra bella città.
Anche la reintroduzione dei consigli di quartiere, recentemente approvata, contribuirà a sviluppare le forme di cittadinanza attiva e di più funzionale rappresentanza nei rapporti di collaborazione tra cittadini e amministrazione.

Programma